• Home
  •  > Notizie
  •  > È morta la cinquantasettenne colpita da infarto al market

È morta la cinquantasettenne colpita da infarto al market

castell’azzara. Serviva un miracolo. Non c’è stato. Dopo un ricovero in condizioni disperate, nella notte è deceduta all’ospedale Le Scotte di Siena Vera Lucia Pontara Pereira, 57 anni, brasiliana, residente a Pisa. La donna era stata colpita da un infarto sabato mattina mentre stava facendo la spesa con il suo compagno alla Coop di Castell’Azzara. Un dolore fortissimo al petto, una richiesta d’aiuto.

La ricerca di un filo d’aria fuori dal supermercato, poi, improvvisa, una fitta lancinante che l’ha fatta cadere a terra, tra la disperazione del compagno e le chiamate al 118. Da alcuni giorni era a San Quirico d’Orcia. La donna è andata in arresto cardiaco e si è accasciata a terra poco distante dal supermercato, davanti al palazzo del Comune. I soccorsi sono stati immediati. A circa cento metri dal municipio, infatti, è di stanza l’ambulanza della Croce rossa italiana di Pitigliano che su Castell’Azzara svolge un servizio di soccorso h12.

Il primo intervento è stato quello con il defibrillatore. Una speranza di invertire una china che era pessima. Una rianimazione forsennata che è servita a tenere in vita la 57enne in attesa dell’arrivo dell’automedica. Il dottore ha capito subito il livello estremo di un quadro clinico compromesso. Non c’era tempo per un trasferimento su strada e così è stato allertato l’elisoccorso Pegaso, Un medico si è calato con il verricello in piazza, il modo più veloce per arrivare a soccorrere la paziente. Pereira è stata caricata a bordo e portata al policlinico Le Scotte di Siena dove i sanitari l’hanno operata al cuore. Poche ore di speranza e poi la notizia del decesso ha travolto il compagno e la sorella, Tania, arrivata da Pisa per stare al fianco di Vera Lucia. La salma è stata trasferita all’obitorio in attesa del nullaosta della Procura per la celebrazione del funerale. Tania Pontara Pereira, conosciuta a Pisa per la sua attività al vertice dell’associazione sportiva Indaco, ha lasciato un ricordo sul suo profilo Fb di Vera Lucia: «Onoro, ringrazio e saluto mia sorella. La morte improvvisa bussa alla porta e noi? Ci piacerebbe sconfiggere il dolore che trafigge il cuore ma siamo inermi di fronte alla bruttezza della malattia perché abbiamo dubbi e paura; forti emozioni sostenere mia sorella, ma tanta gratitudine per essere arrivata in tempo a salutarla nel passaggio da questo piano dimensionale a un altro». –

Pubblicato su Il Tirreno