• Home
  •  > Notizie
  •  > Un dolore composto per l’ultimo saluto a Gianluca Capecchi

Un dolore composto per l’ultimo saluto a Gianluca Capecchi

PISTOIA.In tanti hanno voluto essere presenti giovedì alla cappella della Croce Verde per rivolgere l’ultimo saluto all’ingegner Gianluca Capecchi, morto martedì a 56 anni.

Professionista assai conosciuto in città, Capecchi era una colonna del reparto sviluppo della Hitachi Rail di Pistoia. Si è spento nella sua abitazione di via Montebianco, assistito fino all’ultimo dalla moglie Francesca Barontini (nota avvocata penalista ed ex consigliere comunale) e dai figli Viola e Dario.

Capecchi ha lottato con forza contro la grave malattia che l’aveva attaccato lo scorso anno. Le terapie a cui il professionista si era sottoposto, prima a Pisa e poi a Milano, non sono serviti a far regredire la malattia, che alla fine l’ha avuta vinta sulla forte fibra dell’uomo.

L’ingegner Capecchi era molto conosciuto in città, sia per la sua attività professionale, sia per la sua grande passione per il mare e la vela. Lungo il triste corteo di amici e conoscenti che, prima della cerimonia funebre, si è recato alle cappelle della Croce Verde.

Alla famiglia le condoglianze della redazione del Tirreno. —



Pubblicato su Il Tirreno