• Home
  •  > Notizie
  •  > I parenti di Simonetta si rivolgono ai social

I parenti di Simonetta si rivolgono ai social

La famiglia della donna il cui corpo fu ritrovato sulla Vecchia Aurelia non si danno pace. Le indagini sono ancora in corso

piombino. Assorta tra i suoi pensieri con una sigaretta tra le dita. Mani curate ed elegantissima, in un abito di seta a fiori: appare così Simonetta Gaggioli, la donna scomparsa a fine luglio e poi ritrovata morta in un fosso lungo l’Aurelia a Riotorto. . La foto è stata messa sui social network dalla famiglia che ancora non si dà pace per la tragica fine della donna.

L’autopsia sul corpo della 76enne è stata fatta lo scorso 7 agosto all’ospedale di Pisa, ma per i risultati sarà necessario aspettare ancora fino alla prima settimana di ottobre. Soltanto allora il magistrato rilascerà il nullaosta per la sepoltura cosicché gli amici e la famiglia potranno salutarla.

Simonetta aveva alle spalle un passato felice e una vita agiata ma negli ultimi anni aveva dovuto fare i conti con un nuovo stile di vita: aveva dovuto vendere tutte le sue proprietà sparse tra Follonica e Firenze e si era dedicata anima e corpo ai tre nipotini.

Il figlio, Filippo Andreani, 47 anni, stentava a trovare un’occupazione fissa e aveva vissuto per molti anni a cavallo tra l’Italia e il Brasile.

Simonetta si era sempre preoccupata per quei bambini, i figli che l’uomo aveva avuto con la compagna Adriana Pereira.

La donna viveva a Follonica ma negli anni le tante proprietà che aveva erano state vendute pezzetto dopo pezzetto, e così Simonetta aveva trovato un affitto a Follonica e poi aveva scelto di trasferirsi a Riotorto.

La piccola frazione di Piombino doveva essere un luogo tranquillo, un paese raccolto dove coltivare le proprie passioni.

La decisione era arrivata a primavera ed era stata comunicata ai parenti pochi giorni prima del trasferimento: la famiglia aveva aiutato nel trasloco e Simonetta si era accomodata.

Poco tempo dopo nell’appartamento di Riotorto era poi arrivato Filippo, insieme alla moglie e ai tre figli. Ed è proprio da quell’appartamento che sabato 26 luglio Simonetta è scomparsa per poi essere ritrovata una settimana dopo, morta, avvolta in un sacco a pelo e gettata in mezzo all’erba. Per questo tragico episodio il figlio e la compagna sono indagati per occultamento di cadavere. Ma la procura non ha ancora dato notizie su cosa sia effettivamente successo a Simonetta Gaggioli, come sia avvenuto il decesso, e chi l’abbia gettata in un fosso.—

Pubblicato su Il Tirreno