• Home
  •  > Notizie
  •  > Tragico tamponamento, muore sul colpo a 53 anni camionista di Vicopisano

Tragico tamponamento, muore sul colpo a 53 anni camionista di Vicopisano

Il terribile incidente sull’A4 in direzione Venezia. Il tir della vittima è finito contro un altro autotreno condotto da un 58enne tedesco ricoverato in gravi condizioni

AIELLO DEL FRIULI (udine). Ancora morti sulle strade. Stavolta, su una tratta friulana dell’autostrada A4, dove ha perso la vita un camionista pisano. . La tragedia si è consumata poco dopo le 16 di ieri pomeriggio, alla chilometrica 496+900 (nel territorio comunale di Aiello del Friuli, in provincia di Udine), quando sul lungo rettilineo che fiancheggia l’Outlet Village (carreggiata sud, in direzione Venezia), quattro mezzi pesanti sono rimasti coinvolti in un tamponamento. Ancora da accertare le cause dell’incidente (in quella zona non ci sono cantieri e al momento dello schianto non risultavano esserci né incolonnamenti né condizioni di asfalto bagnato) costato la vita al 53enne Vincenzo Filangeri, nato a Napoli ma residente nel comune di Vicopisano, che si trovava alla guida di uno dei tir coinvolti. Trasportato in gravissime condizioni all’ospedale di Udine, invece, il conducente di un altro dei camion coinvolti, un tedesco di 58 anni.


Pesanti i disagi alla circolazione, con il tratto compreso tra gli svincoli di Villesse e Palmanova (nella sola direzione sud) rimasto chiuso al traffico fino alle 19.50 per consentire le operazioni di soccorso e rimozione dei mezzi.


Il tamponamento fra i 4 autotreni si è verificato poco dopo le 16.20, quando il tir con alla guida il camionista di Vicopisano è piombato a velocità sostenuta sul camion guidato dal 58enne tedesco, a sua volta schiantatosi contro il mezzo che lo precedeva (in questo caso illeso il conducente).


Per il conducente del primo autotreno, che trasportava imballaggi di carta, non c’è stato nulla da fare: proprio il peso del carico ha proiettato (per inerzia) il rimorchio contro la cabina, riducendola a un groviglio di lamiere senza lasciare scampo all’autista, deceduto sul colpo.


Una sorte che solo per un miracolo non ha riguardato anche il camionista tedesco, rimasto incastrato sotto la cabina di guida ed estratto dopo oltre un’ora dai vigili del fuoco (intervenuti con partenze da Udine, Cervignano e Gorizia), costretti a utilizzare l’autogru e cilindri idraulici per sollevare i rottami.


Con i quattro autotreni incidentati a occupare buona parte della carreggiata, sono state immediate le conseguenze sul traffico, rendendo necessaria la chiusura del tratto della A4 interessato dall’incidente: uscita obbligatoria a Villesse per chi proveniva da Trieste ed entrata (in direzione Venezia) interdetta in ingresso, sempre a Villesse.


Inevitabili anche le ripercussioni sulla viabilità secondaria.


Sul posto, oltre ai vigili del fuoco, l’elicottero del 118 regionale, due ambulanze, il personale di Autovie Venete e gli uomini della polizia stradale di Palmanova che, coordinati dai colleghi del Centro operativo autostradale, hanno proceduto con i rilievi del tragico tamponamento.


Una volta giunto all’ospedale di Udine, per il cinquantottenne camionista tedesco (al quale sono stati riscontrati la frattura di un arto, un serio trauma cranico-facciale e ferite gravi in varie parti del corpo) è stato disposto il trasferimento nel reparto di terapia intensiva. La prognosi è riservata.

 

Pubblicato su Il Tirreno