• Home
  •  > Notizie
  •  > Addio a Maria Feri, la signora dell’hotel ristorante Da Venerio

Addio a Maria Feri, la signora dell’hotel ristorante Da Venerio

Scompare a 81 anni la storica imprenditrice, cuoca sopraffina e dal cuore d’oro Con il marito ha tirato su la struttura ricettiva in paese e altre in campagna

castel del piano

Castel del Piano perde un’imprenditrice storica. Muore a 81 anni di età Maria Feri, la notissima signora dell’albergo ristorante Da Venerio.

Maria era la moglie di Venerio Imbasciati, scomparso tre anni or sono. Al suo fianco, lavorando giorno e notte, era riuscita a costruire un rinomato complesso per l’accoglienza, oggi costituito dalla grande struttura di Castel del Piano che si apre su piazza Rosa Guarnieri Carducci, agli agriturismi fra Castel del Piano e Montelaterone.

Maria era nata a Montelaterone, ma dal 1964 aveva iniziato a costruire con sacrificio e grande determinazione il sogno suo e del marito: un albergo e un ristorante.

La coppia acquistò una parte dell’edificio che poi nel tempo è diventato completamente di proprietà degli Imbasciati, creò il ristorante e tre stanze di albergo.

Fin dall’inizio Maria si mise in cucina dove è rimasta per circa 50 anni. Mentre il marito curava i rapporti con la clientela, lei con una passione e una professionalità che in tantissimi fin da subito hanno apprezzato, si faceva conoscere per i piatti locali, tutti preparati dalle sue mani e dalle altre cuoche della cucina ubbiedenti alla bacchetta di Maria. Un ristorante apprezzatissimo per i suoi prezzi abbordabili, la sua qualità e le porzioni abbondanti.

E sono in tanti a sapere che quando Maria individuava persone con poche possibilità economiche, chiudeva un occhio e non pretendeva alcunché, riempiendo sacchetti e borse da portarsi a casa.

Gli amici e i castelpianesi la ricordano come persona apparentemente burbera, ma schietta e dal cuore d’oro. Grande professionalità nel lavoro e grande capacità di relazionarsi coi clienti. Un atteggiamento che ha ripagato l’albergo nel tempo.

Infatti dagli anni ’70, la porzione di edificio occupato dalla coppia si amplia. L’albergo si allarga, le camere crescono. Si rinnovano gli spazi interni, il ristorante e tutto il resto. Il giro dell’albergo si consolida, con camere sempre da tutto esaurito. All’albergo ristorante di Castel del Piano si sono aggiunti, poi, gli agriturismi di Poggio Narchini e delle Puscine, e anche il casale delle Bandite, anch’esso organizzato per l’accoglienza.

Ma nonostante la crescita inarrestabile, Maria è sempre rimasta al suo posto in cucina, in grado, come il marito, di far sentire gli ospiti come a casa propria, e con un servizio ineccepibile. Lei ha lavorato fino a due anni fa, con passione e determinazione. Poi ha dovuto cedere alla malattia. È morta all’ospedale di Castel del Piano la sera dell’8 agosto, assistita dal figlio Riccardo, dalla nipote amatissima Ginevra e dalla ex nuora Fernanda. Il cordoglio di tutta la comunità lo porge lo stesso sindaco Claudio Franci: «Perdiamo una grande imprenditrice e una persona di valore», dice.

I funerali si svolgeranno stamani alle 11 nella chiesa della Propositura di Castel del Piano. —

Pubblicato su Il Tirreno