• Home
  •  > Notizie
  •  > Muore storico ex fioraio del “giro” di Empoli. Il nipote: «Era una memoria storica della città»

Muore storico ex fioraio del “giro” di Empoli. Il nipote: «Era una memoria storica della città»

Mercoledì avrebbe compiuto 84 anni. Fino al 2011 aveva la sua attività in via del Giglio. Il nipote: «Figura importante del centro»

EMPOLI. Lutto nel mondo del commercio cittadino.

Venerdì sera all’ospedale San Giuseppe è morto Romano Bagni, storico ex fioraio del giro di Empoli, con negozio al numero civico 16 di via del Giglio. Avrebbe compiuto 84 anni mercoledì prossimo.

Lo ricorda il nipote Paolo Marzi: «Mio zio è stata una figura importante e molto conosciuta nel centro storico di Empoli, particolarmente attivo anche nell’associazione dei commercianti. Ha visto crescere il giro, aprire e chiudere molti negozi. Era una memoria storica della città, apprezzato anche fuori Empoli».

Bagni nei primi anni Sessanta ha aperto l’attività di vendita di fiori che portava il suo nome. Il negozio è chiuso nel 2011, oggi in quel fondo c’è un negozio di abbigliamento. Lo gestiva insieme a due sorelle (Bagni aveva altre due sorelle ancora e due fratelli). Una nipote da tempo porta avanti l’attività con la floricoltura Bagni, serre e vivaio e vendita diretta di piante e fiori che si trova nella frazione di Ponte a Elsa. Ma il negozio in centro non c’è più da una decina di anni, da quando Romano era andato in pensione cessando l’attività.

Romano Bagni non aveva né moglie né figli, «era un appassionato di crociere, fin quando ha potuto ne faceva due all’anno, e grande tifoso della Fiorentina. Conosceva Giancarlo Antognoni, che ogni anno gli telefonava a casa per fargli gli auguri di Natale - sottolinea il nipote - una volta ho risposto io e sono rimasto di stucco».

Aggiunge ancora il familiare: «È stato un grande lavoratore, si alzava alle 4 di mattina e chiudeva il negozio alle 20. È stato lucido e acuto fino all’ultimo momento, un mese e mezzo fa parlavamo di andare a cena al ristorante e a vedere la partita allo stadio. Per me è stato come un secondo padre. Purtroppo il 12 dicembre è caduto in casa e si è fratturato il femore. Ha anche subito un’operazione, ma poi non ce l’ha fatta e adesso tutta la sua famiglia lo piange».

La città saluta una delle sue memorie storiche, un personaggio conosciuto da tutti che ha visto svilupparsi il centro storico dagli anni ’60 in avanti, da piccolo imprenditore poco più che ventenne. Ha contribuito a far crescere l’anima commerciale di Empoli, oggi radicata. È stato uno dei primi negozianti del giro, insomma, credeva nelle potenzialità di sviluppo del centro storico.

Il funerale di Romano Bagni, scomparso venerdì sera, si terranno domani alle 10 nella chiesa di Santa Maria a Ripa a Empoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Pubblicato su Il Tirreno