• Home
  •  > Notizie
  •  > Camaiore piange Franca, regina delle parrucchiere

Camaiore piange Franca, regina delle parrucchiere

Per decenni ha gestito il negozio in via di Mezzo, aveva 70 anni. Era moglie di Mario, titolare della nota Pasticceria sul Prado che gestisce insieme al figlio Simone in via Vittorio Emanuele

Camaiore. Quello di sabato 27 novembre è stato un risveglio brutto per l’intera comunità di Camaiore, che ha dovuto dire addio a uno dei suoi membri più amati e apprezzati. È morta Franca Carelli, 70 anni, che da circa un anno era malata e che si trovava ricoverata all’ospedale Versilia. A lungo ha gestito un negozio di parrucchiera proprio nel cuore del centro storico, in via di Mezzo. Un esercizio che era chiuso da tre anni circa, ma che è stato però a lungo un punto di riferimento per tante signore per curarsi le acconciature: più di una generazione è entrata all’interno del negozio per affidarsi alle cure di Franca. Poi il sopraggiungere dell'età ha costretto la titolare alla chiusura della saracinesca, ma i ricordi per chi l'ha frequentato sono sempre chiari e c'è il dispiacere della chiusura di una attività commerciale che è stata aperta per così tanto tempo.

La signora Franca era moglie di Mario, titolare della nota Pasticceria sul Prado che gestisce insieme al figlio Simone in via Vittorio Emanuele. “Gigi il pasticcere”, come veniva chiamato era il padre di Mario, ed è stato tra i primi a vendere con lo zainetto in spiaggia i bomboloni, ed è stato lui, che in qualche modo ha fatto innamorare il figlio del mestiere del pasticciere.

Una famiglia quindi di commercianti, conosciuta per le due attività che sono stati da sempre due punti di riferimento per la comunità, che ha sempre apprezzato la cortesia e la professionalità con la quale hanno sempre lavorato e per questo sono stati ripagati dalla clientela, che è sempre stata presente. Per questo il dolore per Franca, oggi, è più vivo che mai: chi vorrà salutarla per un’ultima volta potrà farlo lunedì 29 novembre alle 15 nella chiesa della Badia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Pubblicato su Il Tirreno