• Home
  •  > Notizie
  •  > Addio a Paola Lami: col padre fondò la "Casa del Bombo" a Castiglioncello

Addio a Paola Lami: col padre fondò la "Casa del Bombo" a Castiglioncello

Commerciante storica, figlia di "Sigarino": la sua attività in via della Ragnaia è stata un punto di riferimento per bar e ristoranti della zona

CASTIGLIONCELLO. Per ventiquattr’anni ha gestito, prima con il padre Aldo poi insieme alla sorella Fiorella, il negozio "La casa del bombo" che è stato, soprattutto negli anni ’60 e ’70, un punto di riferimento non solo dei castiglioncellesi o di chi aveva un’attività (bar e ristoranti del territorio) ma anche di personaggi che frequentavano la "Perla del Tirreno" nel suo pieno splendore. Ieri mattina Paola Gabbrielleschi Lami si è spenta venendo a mancare all’affetto dei suoi cari, la figlia Barbara, i numerosi nipoti, i parenti e le persone che la conoscevano. Il marito, noto anch’egli a Castiglioncello (ma non solo) per aver militato a lungo nella squadra azzurra di cui è stato una colonna.

Undici anni fa, nel 2010, se n’era andato il padre Aldo, all’età di 85 anni, un personaggio castiglioncellese noto a tutti come "Sigarino" che Alberto Lami aveva ricordato dedicandogli una poesia nel libro "Dal tempo degli Etruschi al tempo dei Caini". Paola, come il padre e la sorella, era originaria di Castellina, ma dall’età di otto anni si era trasferita sul mare, a Castiglioncello, dove ha aperto questa attività che ha mantenuto, per poi cederla, fino al 1981.

Persona sempre disponibile e amata da chiunque la conoscesse sempre pronta a date un aiuto a chi ne avesse bisogno.Nelle ultime settimane le sue condizioni di salute erano peggiorate e ieri mattina, all’età di 76 anni, il suo cuore ha smesso di battere. Oggi la salma è all’obitorio del cimitero di Rosignano Marittimo dove rimarrà fino a domani quando, alle ore 11, si svolgeranno i funerali nella chiesa di Portovecchio. Alla figliaBarbara, alla sorella Fiorella e ai nipoti Gabriele, Eleonora, Sabrina, Bianca e Stefano giungano le condoglianze della nostra redazione. --

Pubblicato su Il Tirreno