• Home
  •  > Notizie
  •  > Vada piange Giuliano Bazzini, una vita per il mare

Vada piange Giuliano Bazzini, una vita per il mare

Dipendente Solvay in pensione, è morto a 95 anni. Il ricordo di chi lo conosceva: "Conserviamo nel cuore l'immagine di Giuliano al timone del suo catamarano"

VADA.  E' scomparso all'ospedale di Cecina, dove era ricoverato da due giorni, Giuliano Bazzini. Personaggio molto noto a Vada e non solo per le sue doti umane e per le particolari capacità di inventore. Aveva lavorato come capo reparto all'interno dello stabilimento Solvay e si era dedicato, per tutta la vita, alla sua più grande passione: il mare. Bazzini, scomparso a 95 anni, è stato uno dei fondatori del Circolo Nautico di Vada. Per tanti anni consigliere, i soci lo ricordano come una persona disponibile ed entusiasta nel partecipare a tutte le iniziative.

Mario Baldeschi, del Circolo Nautico vadese, ricorda che anni fa Bazzini decise di impegnarsi nella costruzione di un catamarano, a cui dette il nome della moglie. "Un lavoro andato avanti per mesi - ricorda Baldeschi -, dentro il garage di casa sua,  che portò avanti da solo, curando tutti gli aspetti. Quando lo varò, però, non era contento della tenuta dell'imbarcazione, allora impiegò altri mesi a rivederlo. Da allora ogni anno il suo gioiello veniva messo in mare e non c'è vadese che, almeno una volta, non abbia fatto un giro sul catamarano per raggiungere qualche isola dell'arcipelago".

Durante l'inverno, quando non poteva affrontare il mare a bordo della sua creatura, Bazzini si impegnava nella sistemazione del catamarano e nella gestione del Circolo Nautico, sulla Marina di Vada. "Era sempre allegro, simpatico e disponibile con tutti".

Gli amici del Circolo Nautico vogliono salutarlo. "Conserviamo nel cuore  - termina Baldeschi- l'immagine di Giuliano al timone del suo catamarano.Lo ringraziamo per tutto quello che ha fatto per il Circolo Nautico e mandiamo un  abbraccio alla moglie Milena e ai figli Marco e Maurizio".

Pubblicato su Il Tirreno