• Home
  •  > Notizie
  •  > Muore storico commerciante del Piazzone

Muore storico commerciante del Piazzone

Era volontario della Croce verde ed ex giocatore di calcio fino alla serie D con il Camaiore: lascia moglie e due figli

VIAREGGIO. Il Covid fa un’altra vittima a Viareggio: Mariano Olivi, 76 anni, commerciante storico del mercato di piazza Cavour, oltre che volontario della Croce verde, di cui ha indossato anche la maglia della squadra di calcio.

Olivi, conosciuto da tutti come "Massimino", aveva avuto un malore in casa due settimana fa. Era stato trasportato con un’ambulanza della Croce verde, di cui era stato un volontario e giocatore della squadra, all’ospedale Versilia, dove sabato è deceduto. Era risultato positivo al coronavirus, come i suoi familiari.

Olivi insieme alla moglie Maria Pia Vellutini ha gestito per circa 40 anni un banco di borse ed accessori di pelle al mercato di piazza Cavour: era molto conosciuto per la sua attività, appena appresa la notizia della sua scomparsa sono state molte le attestazioni di affetto. Messaggi arrivati da attuali operatori del mercato ed anche da ex colleghi, con i quali c’era ovviamente un legame di amicizia per i tanti anni vissuti assieme.

Era stato, assieme ai suoi colleghi, tra i più attivi per far sì che il Piazzone fosse un luogo dove le persone potevano venire in tranquillità a fare acquisti. Abitava proprio in zona, vicino al bar Sor Emilio, quindi il Mercato era davvero casa sua.

Il commerciante Stefano Lazzarini, lo ricorda così: «Riposa in pace Massimo, il tuo Piazzone ti saluta che la terra ti sia lieve». Ernesto Frati che ha un chiosco di vendita di formaggi aggiunge: «Un altro pezzo di storia del Piazzone se ne va, riposa in pace Massimo».

Olivi ha frequentato la Croce verde nel periodo in cui la sede era in via Machiavelli, un po’ meno da quando si era spostata in via Garibaldi. Ha giocato a calcio: era anche bravo, il suo ruolo era terzino, ed è arrivato fino alla serie D con la maglia del Camaiore. Ha giocato ovviamente nella squadra della Croce verde, dove era un volontario negli anni Sessanta nel gruppo di cui facevano parte anche Luciano Vannucchi e Angelo Basalari, purtroppo poi deceduto in seguito ad un tragico incidente stradale alla guida di una ambulanza sulla via Aurelia di fronte al cimitero. A livello giovanile Olivi ha giocato con Vivaldo Francesconi nell’Iskra: «Era un difensore arcigno, non mollava mai l’uomo».

Olivi ha vestito poi la maglia del Lido di Camaiore, con allenatore Rolando Coscetti, ex giocatore del Viareggio, con lui in difesa c’era Riccardo Martinelli. «Ci siamo tolti delle belle soddisfazioni, eravamo una bella squadra, ed anche se non era alto colpiva bene anche di testa», è il ricordo. È stato per un periodo anche un collaboratore dell’Esperia Viareggio, di cui era un tifoso, come hanno ricordato l’allora direttore generale Beppe Vannucchi e il segretario Massimo Moscardini.

Mariano Olivi lascia la moglie Maria Pia e i figli Francesco, Alessandro e i familiari. A cura delle onoranze funebri della Croce verde nella mattinata la salma dall’obitorio dell’ospedale Versilia andrà a Pisa per la cremazione.

Si tratta della vittima numero 338 da quando il coronavirus è arrivato in Versilia: da ottobre a oggi sono state 256. --

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su Il Tirreno