• Home
  •  > Notizie
  •  > Ucciso da un malore a 79 anni. Addio Giancarlo, autista Aamps

Ucciso da un malore a 79 anni. Addio Giancarlo, autista Aamps

Livorno, il ricordo commosso della famiglia: «Un uomo meraviglioso e benvoluto da tutti». Lascia la moglie Floriana Alderani, i figli Gianluca e Sabrina, oltre ai due nipoti 

LIVORNO. Stava tornando a casa dopo aver svolto un esame di emogasanalisi all’interno dell’ospedale, quando un malore lo ha ucciso sulle strisce pedonali di fronte all’ingresso principale, fra la corsia sud e la pista ciclabile.

Tragedia poco dopo le 10 di ieri mattina in viale Vittorio Alfieri, dove è morto a 79 anni un autista e operatore dell’Aamps da tempo in pensione.

Sposato con la fucecchiese Floriana Alderani, padre di due figli – Gianluca e Sabrina Lucherini – e nonno di due nipoti, Giancarlo Lucherini si è accasciato a terra improvvisamente senza dar tempo ai soccorritori di salvargli la vita. Inutili le manovre di rianimazione dei volontari della Misericordia di Antignano, che erano di passaggio con un’ambulanza, e dei soccorritori della Svs di via San Giovanni, lì col medico del 118, prontamente avvertito dai passanti. In zona è arrivato anche un equipaggio della Squadra volante dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della polizia di Stato, coordinato dal commissario capo Claudio Cappelli, con gli agenti che hanno avuto l’ingrato compito di avvertire i familiari insieme ai colleghi della Squadra mobile, guidati dal vicequestore aggiunto Giuseppe Lodeserto.

La moglie settantasettenne, una volta raggiunto il luogo della tragedia, ha accusato un lieve malore ed è stata trasferita con un’ambulanza al pronto soccorso, dove è rimasta per qualche ore prima di tornare a casa con i figli. Lucherini era nato e vissuto a Livorno, alla Scopaia, dove tutti lo conoscevano. Abita in via Olanda e ieri mattina, mentre attraversava la strada, stava andando proprio al parcheggio per risalire in macchina e tornare a casa. «Nell’ultimo periodo lo accompagnavamo noi in ospedale per i controlli – racconta la figlia Sabrina – invece stavolta è andato da solo. Era un padre meraviglioso, amato e benvoluto da tutti. Ci mancherà tantissimo, una persona d’oro».

Il funerale di Lucherini si terrà domani mattina, alle 10.30, alla chiesa del quartiere di Corea, curato dalle onoranze funebri della Svs di via San Giovanni. La famiglia chiede espressamente alle tantissime persone che durante la loro vita hanno conosciuto il settantanovenne, molto conosciuto a Livorno anche per via del suo lavoro in Aamps, «non fiori, ma opere di bene».

La salma, visto che si è trattato di una morte naturale causata con ogni probabilità da un malore improvviso, su disposizione della sostituto procuratore di turno Ezia Mancusi è stata immediatamente restituita ai familiari.

Pubblicato su Il Tirreno