• Home
  •  > Notizie
  •  > Muore a 32 anni mentre torna dal lavoro, un testimone: «Ha urtato lo scooter poi è volato laggiù»

Muore a 32 anni mentre torna dal lavoro, un testimone: «Ha urtato lo scooter poi è volato laggiù»

Parla un carpentiere livornese che andava in auto verso Pisa e che è stato a sua volta tamponato da un’altra moto

PISA. Per tutto il tempo dei soccorsi e le ore successive, quando i carabinieri hanno fatto i rilievi, Yari Adami, di Livorno, resta in silenzio davanti ad una scena che evoca pensieri di morte anche solo a guardarla.

È un carpentiere, che stava andando al lavoro verso Pisa, uno dei testimoni dell’incidente stradale costato la vita al 32enne di Livorno. «Ho visto la moto che andava verso Livorno a velocità abbastanza sostenuta, ha urtato contro la ruota posteriore dello scooter bianco e poi lui è volato laggiù», indica con la mano l’automobilista che si è trovato ad assistere all’incidente stradale. Dopo l’impatto tra i due mezzi a due ruote, Adami ha rallentato per non restare coinvolto nell’incidente e per vedere cosa era accaduto. E in quel momento è stato tamponato da un’altra moto che stava viaggiando verso Pisa. L’automobilista è rimasto illeso ma è rimasto scioccato da quello che ha visto. «Sono arrivati i soccorritori ma è stato tutto inutile», racconta ancora l’automobilista che è stato sentito dai carabinieri, impegnati nei rilievi e per stabilire le successive responsabilità.

I mezzi sono rimasti sulla strada a lungo e anche la salma, coperta da un telo in segno di rispetto, è stata rimossa solo dopo molte ore, nella tarda mattinata, quando poi è stata data la tragica notizia alla famiglia.

Sul posto sono intervenute due ambulanze della Misericordia di Pisa e della Pubblica Assistenza del Litorale Pisano di cui una con il medico del 118 che, purtroppo, non ha potuto far altro che constatare il decesso di Luis Roberto Beriguete Turelli, 32 anni.

Impressionante la distanza a cui è stata sbalzata la vittima dopo lo scontro con lo scooter. «Alla guida dello scooter c’era una donna, anche lei è rimasta ferita. E stato un impatto molto violento», ha aggiunto l’uomo che è rimasto bloccato per ore, in attesa dell’ok dei carabinieri per poter spostare la sua Punto.

Pesanti i disagi alla circolazione stradale. L’Aurelia è stata chiusa in entrambe le direzioni al km 329. Le deviazioni sono state segnalate in loco. Il personale di Anas e delle forze dell’ordine è stato impegnato per la gestione della viabilità e per consentire la riapertura del tratto stradale nel più breve tempo possibile. Ma sono state necessarie comunque più di tre ore di stop alla circolazione. Anas ha inviato sul posto, a controllare cosa era successo e le condizioni della strada, cinque persone.

Quella di ieri è stata davvero una giornata particolarmente tragica per le strade tra Pisa e Livorno.

Non erano ancora finiti i rilievi dell’incidente mortale avvenuto a Mortellini che un altro centauro di 22 anni perdeva la vita sulla Fi-Pi-Li.

Pubblicato su Il Tirreno