• Home
  •  > Notizie
  •  > Due giorni di lutto per la morte dell'ex sindaco di Vernio Paolo Cecconi

Due giorni di lutto per la morte dell'ex sindaco di Vernio Paolo Cecconi

  Il sindaco Giovanni Morganti ha emesso un’ordinanza dove invita i cittadini, i titolari delle attività commerciali e produttive, le organizzazioni sociali e culturali a esprimere, in forme decise autonomamente, il dolore e l’abbraccio dell’intera comunità ai familiari di Cecconi, sindaco per quindici anni di Vernio

VERNIO. Due giorni di lutto cittadino a Vernio – domenica 22 e lunedì 23 - come segno di partecipazione della comunità per la morte dell’ex sindaco Paolo Cecconi, avvenuta all’ospedale Santo Stefano di Prato.  Il sindaco Giovanni Morganti ha emesso un’ordinanza dove invita i cittadini, i titolari delle attività commerciali e produttive, le organizzazioni sociali e culturali a esprimere, in forme decise autonomamente, il dolore e l’abbraccio dell’intera comunità ai familiari di Cecconi, sindaco per quindici anni di Vernio.

Lunedì 23 marzo, gli uffici comunali saranno chiusi e garantiranno i servizi essenziali di Stato civile, tutti i servizi connessi all’emergenza sanitaria in corso e i servizi cimiteriali, intanto è stata esposta la bandiera a mezz’asta listata a lutto. “Un gesto dovuto alla memoria di Paolo, in attesa di poterlo ricordare ufficialmente come merita con tutti i cittadini di Vernio, spero il più presto possibile”, sottolinea il sindaco Giovanni Morganti che, nel messaggio inviato alla famiglia ha ricordato come Cecconi sia stato per lui “un vero maestro di politica e buona amministrazione, un riferimento paterno”. “Mi ha insegnato molto, da lui ho imparato molto di quello che so della pubblica amministrazione e ho capito che prima di tutto viene la gente i suoi problemi. Mi lascia una lezione che cercherò sempre di tenere a mente”, ha affermato Morganti.

Paolo Cecconi era nato 65 anni fa. Diplomato all’Istituto Buzzi e laureato in Filosofia, dal 1980 al 1990 era stato funzionario e dirigente di Confesercenti. Nel 1990 era passato al Comune di Prato dove aveva assunto il ruolo di funzionario amministrativo.  Nel 1990 è stato eletto sindaco di Vernio per il primo mandato, è stato poi di nuovo eletto per due mandati successivi dal 2004 al 2014. In anni più recenti, chiamato da Oreste Giurlani, era stato assessore al comune di Pescia.

Pubblicato su Il Tirreno