Chiese in Provincia di Siena - città di : Chiesa di San Bartolomeo

Chiesa di San Bartolomeo
Chiesa di San Bartolomeo ad Orgia San Bartolomeo a Orgia

SIENA
Sovicille (SI)
Culto: Cattolico
Diocesi: Siena - Colle di Val D'Elsa - Montalcino
Tipologia: chiesa
La chiesa di San Bartolomeo a Orgia è un edificio sacro che sorge a mezza costa sullo sperone montuoso fra il fiume Merse ed il Rosia, esternamente alla cinta muraria che un tempo doveva racchiudere il castello di Orgia. La facciata è assai semplice, in bozze di travertino approssimativamente squadrate. La parte superiore in forma di timpano triangolare, è costruita in mattoni. Sul portale, estremamente lineare, si trova una finestra semicircolare mezza strombata. L'interno è ad una sola... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa di San Bartolomeo a Orgia è un edificio sacro che sorge a mezza costa sullo sperone montuoso fra il fiume Merse ed il Rosia, esternamente alla cinta muraria che un tempo doveva racchiudere il castello di Orgia. La facciata è assai semplice, in bozze di travertino approssimativamente squadrate. La parte superiore in forma di timpano triangolare, è costruita in mattoni. Sul portale, estremamente lineare, si trova una finestra semicircolare mezza strombata. L'interno è ad una sola navata, con pavimento in cotto e altari barocchi, con copertura in legno a capriate e travi correnti sorrette da un manto di coppi.

Elementi decorativi

Sull'altar maggiore, in stucchi bianchi a volute, è collocata la pala raffigurante il "Martirio di San Bartolomeo", che alcune fonti attribuiscono ad Aurelio Martelli, detto "il Mutolo", pittore senese attivo nella seconda metà del Seicento. In una nicchia della parete sinistra era dipinta una "Madonna in trono col Bambino e Santi", di cui si conserva solo il frammento sinistro col "Sant'Antonio abate", mentre si intuisce il disegno della cupola a conchiglia e delle altre due figure laterali.

XI sec. - XII sec. (preesistenze intero bene)

Costruita in epoca non precisabile esattamente, viene citata in documenti molto antichi. Scrive il Merlotti "...Il seguente documento (Diploma dell'Imperatore di Germania e d'Italia Enrico IV del 1081) ci dimostra che a quel tempo già vi era la chiesa predetta di San Paolo e il castello (...)". Le chiese citate dal Merlotti sono ben tre, e secondo lui sono coincidenti: la più antica intestata a San Paolo, quindi la seconda dedicata alla Santissima Trinità e dotata di ospedale, infine la terza e la più recente ovvero quella di San Bartolomeo. Sembra però improbabile che le tre chiese coincidano. Sempre ipotetica, ma meno impossibile, la coincidenza tra la chiesa della SS. Trinità e l'attuale di S. Bartolomeo. La presente costruzione conta infatti varie superfetazioni di epoca non precisabile, date le numerose trasformazioni, e nulla vieta, almeno a prima vista, di poterle identificare con il già citato ospedale.

XII sec. - XIII sec. (costruzione intero bene)

La chiesa, ricordata dunque fin dall'XI secolo, fu ampiamente rimaneggiata nel corso del Tre e del Quattrocento.

1945 - XX sec. (ricostruzione intero bene)

La chiesa ha subito danni nella seconda guerra mondiale sia alla struttura muraria, che alla copertura e al campanile a vela con cella bifora, completamente rifatto in tale occasione.

Mappa

Cimiteri a SIENA

Viale Luigi Baldi Radicondoli (Si)

Viale Dei Fossi San Gimignano (Si)

Via Provinciale Casole D'elsa (Si)

Onoranze funebri a SIENA

Via Dell'artigianato2/E 53100 Siena

Via Commercio 32 Poggibonsi