Chiese in Provincia di Prato - città di : Chiesa di San Lorenzo

Chiesa di San Lorenzo
Chiesa di San Lorenzo a Pizzidimonte S. Lorenzo

PRATO
Via Baccio Bandinelli, 32 - Pizzidimonte, Prato (PO)
Culto: Cattolico
Diocesi: Prato
Tipologia: chiesa
Lungo l'antico percorso della via Mugellese, che corre ai piedi della Calvana, sorge la chiesa di San Lorenzo, che conserva, malgrado le trasformazioni, l'originaria struttura romanica. A filo della facciata sorge il campanile a torre. L'interno, di piacevole aspetto sei-settecentesco, ha cantoria su pilastri in controfacciata; nel coro è posta una notevole tavola con la Madonna, il Bambino e santi (1603), del Passignano, mentre sugli altari laterali è una tela col Martirio di san Lorenzo... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Lungo l'antico percorso della via Mugellese, che corre ai piedi della Calvana, sorge la chiesa di San Lorenzo, che conserva, malgrado le trasformazioni, l'originaria struttura romanica. A filo della facciata sorge il campanile a torre. L'interno, di piacevole aspetto sei-settecentesco, ha cantoria su pilastri in controfacciata; nel coro è posta una notevole tavola con la Madonna, il Bambino e santi (1603), del Passignano, mentre sugli altari laterali è una tela col Martirio di san Lorenzo (1800) di Domenico del Potestà, e una tela, del 1613, raffigurante la Madonna col Bambino e santi, di scuola senese. Una tavola, del 1410-1413, con l'Anunciazione, già oggetto di venerazione, è nel Museo dell'Opera del Duomo di Prato. Sulla vecchia via di Travalle o Mugellese sorge la chiesa di S. Lorenzo, con tracce dell'originaria struttura duecentesca, portico e campanile a torre (1810). L'interno, di piacevole aspetto sei-settecentesco, ha cantoria su pilastri in controfacciata; nel coro è posta una notevole tavola con la Madonna, il Bambino e santi (1600 circa), attribuita al Passignano, mentre su un altare laterale è la tela col Martirio di san Lorenzo (1800) di Domenico del Potestà.

Facciata

La facciata, preceduta da un portico tardoottocentesco a tra archi su pilastri in muratura, con parapetto orizzontale, è in bozze squadrate di alberese, con portale con archivolto in conci regolari di alberese, a sesto leggermente acuto, e soprastante monofora. Un intervento del XIX secolo ha reso orizzontale il coronamento della chiesa, che prosegue per un tratto sulla canonica, in modo da consentire al centro l'inserimento del campanile a torre a filo della facciata, sopraelevato tra il 1780 e il 1810. Anche il fianco lungo la strada, in filaretto d’alberese, ha subito nell'Ottocento il rialzamento delle coperture.

Interno della chiesa

All'intemo l'ingresso è sormontato dalla cantoria, sorretta da pilastri, con archi ribassati; la zona superiore, di gusto settecentesco, è formata da una parete in muratura ornata da cartigli mistilinei, aperta lateralmente da due finestre rettangolari, e al centro da un arcone sormontato da volute, nastri e cartiglio centrale. A destra dell'ingresso è un'acquasantiera a parete secentesca. L'altare laterale sinistro, del 1660, è in pietra serena, con mensa sorretta da balaustrini; l'edicola ha sui lati due semicolonne - su basi con stemmi - concluse da capitelli compositi, trabeazione e timpano spezzato con cartiglio e cherubini al centro. Accoglie una tela, del 1613, raffigurante la Madonna col Bambino, i santi Francesco e Caterina d’Alessandria e il devoto Sebastiano Galgani. L'altare opposto, settecentesco, ha mensa su pilastrini piramidali in pietra serena, mentre l'edicola su semicolonne e il timpano spezzato con cartiglio sono in muratura intonacata; vi è collocata una tela dipinta nel 1800 dal fiorentino Domenico del Potestà (1766-1862), raffigurante il Martìrio di san Lorenzo.

Altare maggiore

L'altar maggiore, in muratura, ha la mensa in alberese datata 1618; sulla parete di fondo è un notevole dipinto ad olio su tavola raffigurante la Madonna col Bambino in gloria, e santi Lorenzo, Giovanni Battista, Francesco d’Assisi, Andrea apostolo e Filippo Neri, opera dinamica, di alta qualità, dipinta dal Passignano (Domenico Cresti, 1559-1638), databile al 1600-1603. Due portalini sulla stessa parete, con stemma Inghirami (1622) danno accesso alla sacrestia (anche due finestre secentesche con mostra in pietra serena e comice curvilinea, sul lato nord della navata, recano lo stemma Inghirami).

Elementi decorativi

Tutto l’interno fu decorato intorno al 1760. Di quella redazione restano le cromie degli altari laterali e i pregevoli stucchi a finto marmo del vestibolo di raffinata esecuzione. La decorazione parietale fu ripresa ed aggiornata nel 1882-1883, quando la chiesa fu voltata e, al centro, ebbe uno sfondato col San Lorenzo in gloria. La volta del presbiterio presenta un ricco schema deco

XII - XII (committenza carattere generale)

Il territorio di Pizzidimonte è di origine etrusca. Fra i reperti etruschi della località il più noto è il bronzetto o statuetta dell’offerente, trovato a Pizzidimonte nel 1735 e oggi custodito al British Museum di Londra. La chiesa attuale, costruita sul finire del XII secolo ai piedi del Monte Castiglioni e orientatata parallelamente alle curve di livello, prospetta su un piazzaletto sostenuto da un muro a retta e conserva, malgrado le trasformazioni, l'originaria struttura medievale. A filo della facciata sorge il campanile a torre.

1618 - 1622 (committenza ampliamento della chiesa)

Tra il 1618 e il 1622, il prete Inghirami, con l'aiuto dell'Opera della chiesa, aprì sulla parete nord due finestre, demolì l'abside romanico e ampliò il presbiterio, dotandolo di un nuovo altare e sulla parete di fondo inserì due portalini in pietra con lo stemma Inghirami.

1660 - 1735 (committenza altari laterali e cantoria)

Nel 1660 il prete Tommaso Pocceschi dotò la chiesa dell'altare laterale sinistro e lo intitolò alla Vergine; circa il 1735 fu innalzato all'opposto l'altro altare e fu realizzata la cantoria in controfacciata.

1760 - 1883 (committenza decorazione e volta della chiesa )

Tutto l’interno fu decorato intorno alla metà del Settecento. Di quella redazione restano le cromie degli altari laterali e gli stucchi a finto marmo del vestibolo. La decorazione parietale fu ripresa ed aggiornata nel 1882-1883, quando la chiesa fu voltata e, al centro, ebbe uno sfondato col San Lorenzo in gloria.

1780 - 1880 (committenza campanile e portico)

Tra il 1780 e il 1810 il campanile fu rialzato di un piano e, nel 1818 fu dotato di due campane fuse dal pratese Santi Gualandi; circa il 1880 fu realizzato il portichetto avanti la facciata della chiesa.

1916 - 1918 (committenza fonte battesimale)

Nel 1916 la chiesa, fino allora della diocesi di Firenze, fu annessa alla diocesi di Prato. Nel 1918 con decreto del vescovo di Pistoia e Prato, la chiesa, che era semplice prioria, fu arricchita del fonte battesimale.

2005 - 2007 (restauro intero bene)

Tra il 2005 e il 2007 la chiesa ha subito un consistente restauro e risanamento conservativo. Sono stati restaurati il tetto e le capriate, la facciata e le pareti esterne, il campanile, mentre all'interno il pavimento è stato ripristinato in cotto. Sono stati risanti l'arco trionfale e le pareti nord e est, che avevano avuto dissesti statici. Inoltre è stato recuperato il pregevole impianto decorativo sette-ottocentesco della volta, delle pareti laterali, della elegante controfacciata e degli altari laterali.

Mappa

Cimiteri a PRATO

Via Roma (Po)

Localita Usella Cantagallo (Po)

Via Borgonuovo Vaiano (Po)

Onoranze funebri a PRATO

Via Niccoli 2 59100 Prato

Via Galcianese 15 Prato

Via San Jacopo, 34 59100 Prato