Chiese in Provincia di Massa Carrara - città di : Chiesa di San Genesio

Chiesa di San Genesio
S. Genesio

MASSA CARRARA
Bedizzano, Carrara (MS)
Culto: Cattolico
Diocesi: Massa Carrara - Pontremoli
Tipologia: chiesa
La chiesa di S. Ginesio, situata nella parte meridionale del paese, quella frutto di interventi urbanistici di ampliamento del primitivo borgo voluti da Alberico I Malaspina, si affaccia sulla piazza principale su un lato del quale lo stesso Alberico volle fosse eretta una monumentale fontana di marmo. L' edificio è a navata unica sormantata da soffitto a cassettoni e prebiterio sormontato da volte a botte con quattro campate di lunghezza. La chiesa presenta una semplice facciata a capanna... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa di S. Ginesio, situata nella parte meridionale del paese, quella frutto di interventi urbanistici di ampliamento del primitivo borgo voluti da Alberico I Malaspina, si affaccia sulla piazza principale su un lato del quale lo stesso Alberico volle fosse eretta una monumentale fontana di marmo. L' edificio è a navata unica sormantata da soffitto a cassettoni e prebiterio sormontato da volte a botte con quattro campate di lunghezza. La chiesa presenta una semplice facciata a capanna con gli spioventi curvilinei Sopra il portale d' ingresso di marmo è collocata all' interno di una nicchia un' antica statua raffigurante una Madonna con Bambino.

Pianta

La chiesa presenta una pianta a navata unica e presbiterio rientrante innalzato su due gradini. La navata è scandita in quattro campate da robuste paraste in aggetto; la prima occupata dall' orchestra poggiante su due colonne di marmo bianco e due semicolonne, le altre ornate da altari barocchi. Il presbiterio è impreziosito da una grande edicola marmorea incassata nella parete di fondo e da due ricchi portali marmorei bianchi che aprono sul vano della sacrestia e sul vano del campanile, mentre da un' apertura all' inizio della parete destra della navata si accede ad un lungo vano che accompagna la fiancata su cui sono ancora visibili stipiti e architrave di quella che doveve essere probabilmente l' antica chiesa.

Impianto strutturale

La struttura della chiesa è in muratura portante.

Interno

Il maestoso altare maggiore e i sei altari barocchi ricchi di marmi intarsiati di cui quattro completi di colonne, con capitelli corinzi e timpani spezzati con fastigio culminale contribuiscono a dare all' interno della chiesa una spiccata impronta barocca. L' altare centrale del fianco sinistro, dedicato a San Ginesio presenta un affresco raffigurante una Madonna in trono con il bambino e ai lati due figure di Santi uno dei quali S. Ginesio martire cui è dedicata la chiesa. L' affresco, opera di autore ignoto, del secolo XV era verosimilmente presente nella primittiva chiesa e venne poi durante il lavori di ampliamento coronato dall' attuale altare. Arricchiscono il presbiterio un coro ligneo posto dietro l' altare e sopra di esso una grande edicola in marmo mentre un pulpito esagonale è addossato sul fianco sinistro della navata.

Coperture

La navata centrale è sormontata da un soffitto a cassettoni mentre il presbiterio è sormontato da una volta a botte.

Facciata

La chiesa presenta una semplice facciata a capanna, priva di modanature, ma con due spioventi curvilinei ornati ai margini da due statue. Ad impreziosirla contribuiscono, oltra al portale di marmo, sopratutto sopra di esso una statua in marmo della Madonna con bambino ed ucelletto in mano, opera di ignoto, presumibilmente del secolo XV, collocata in una nicchia con ricca cornice in marmo lavorato.

Torre campanaria o campanile

Il campanile si appoggia sul fianco destro del presbiterio ed è una robusta costruzione a base quadrata che presenta due monofore di apertura nella cella campanaria sormontata da tamburo ottagonale e calotta anch' essa a base ottagonale.

1572 - 1572 (erezione in Parrocchia intero bene)

Il 20 Ottobre 1572 la nuova chiesa viene eretta in Parrocchia con atto del notaro Giuseppe Agostini.

1615 - 1615 (consacrazione intero bene)

L' 11 Luglio 1615 la nuova chiesa viene consacrata dal Vescovo della Diocesi di Luni-Sarzana Mons. G. Battista Salvago.

1629 - 1629 (interventi di arredo intero bene)

In data 6 Maggio 1629 la chiesa può dirsi definitivamente ricostruita nel suo attuale aspetto Barocco, completa dei suoi altari interni e del suo arredo esterno.

XIV° - XV° (presistenza intero bene)

La "Villa" di Bedizzano, la cui esistenza ci è testimoniata da citazioni in documenti scritti sin dall' anno 1198, possedeva una cappella dipendente dalla Pieve di S. Andrea di cui non si hanno però notizie documentate.

XVI° - XVI° (edificazione intero bene)

A partire dalla 2° metà del XVI secolo il primitivo edificio fù ampliato ed arrichito. Tale intervento era parte di un complesso di interventi urbanistici ed edificatori voluti dal principe Alberico Cybo Malaspina volti a dare al piccolo abitato un volto più cittadino.

Mappa

Cimiteri a MASSA CARRARA

Via Nazionale Fivizzano (Ms)

Via Roma (Ms)

Via Giovanni Battista Cartegni Bagnone (Ms)

Onoranze funebri a MASSA CARRARA

Localita' Coloretta Zeri

Via Nazionale 197 54011 Aulla

Via Nazionale Cisa 37/B Aulla