Chiese in Provincia di Massa Carrara - città di : Oratorio della Beata Vergine Maria degli Angeli

Oratorio della Beata Vergine Maria degli Angeli
Madonna della Barcara Oratorio della Madonna della Barcara B.V. Maria degli Angeli

MASSA CARRARA
Filanda, Aulla (MS)
Culto: Cattolico
Diocesi: Massa Carrara - Pontremoli
Tipologia: chiesa
la maestà della Barcara, dedicata alla Beata Vergine Maria degli Angeli, situata sulle propaggini settentrionali del colle della fortezza della Brunella che domina Aulla, affacciata verso occidente. Il frammento campestre è oggi circondato dalle espansioni suburbane della città ma, nella seconda metà del secolo XVII, all’epoca della costruzione era in gran parte occupato dal bosco della Comunità di Aulla che confinava con i terreni della famiglia Trombetti, giunti in Aulla dopo l’acquisto del... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

la maestà della Barcara, dedicata alla Beata Vergine Maria degli Angeli, situata sulle propaggini settentrionali del colle della fortezza della Brunella che domina Aulla, affacciata verso occidente. Il frammento campestre è oggi circondato dalle espansioni suburbane della città ma, nella seconda metà del secolo XVII, all’epoca della costruzione era in gran parte occupato dal bosco della Comunità di Aulla che confinava con i terreni della famiglia Trombetti, giunti in Aulla dopo l’acquisto del feudo lunigianese da parte di Adamo Centurione nel 1543. Sul muro che divideva la proprietà si trovava l’immagine sacra della Vergine che fu trasferita all’interno di una piccola cappella sub-quadrata, ampliata nel secolo XVIII. L’edificio presenta una facciata delimitata da pilastri angolari circolari raccordati al piano orizzontale del prospetto ripartito in tre specchiature allungate e sormontato da un timpano triangolare. La pianta è formata da un vano rettangolare diviso in due campate, voltate a crociera, in corrispondenza del presbiterio, ed a vela sopra l’aula liturgica ampliata a sinistra con una cappella laterale. Il presbiterio sopraelevato di tre alti gradini rispetto all’aula è ornato di un pregevole altare a stucco, ricco di particolari e di buona scuola, contenente l’immagine, molto rimaneggiata, dell’antico affresco

Facciata

la facciata della chiesa della Barcara è delimitata da pilastri angolari semicircolari sagomati con superfici curve, raccordarli con il piano della facciata. Sopra i pilastri, collegati dalla cornice continua che chiude la trabeazione, si dispone, in posizione lievemente arretrata, il timpano triangolare sormontato da un campanile e vela. Il piano della facciata. è ripartito da tre specchiature allungate: quella centrale larga quanto il portale si chiude con la curva della finestra ellittica che illumina l’interno mentre quelle laterali, rettilinee, contengono le finestre situate sui fianchi dell’ingresso. A sinistra sporge l’ampio volume della cappella ed ancora più dietro sporge l'ulteriore volume con un portico ad archi mistilinei che richiamano analoghe strutture settecenesche presenti nell’oratorio di Arforara e nelle case adiacenti alla villa Pavesi di Caprigliola

Impianto strutturale

l’impianto strutturale attuale è composto da un vano rettangolare suddiviso in due campate pressoché quadrate affiancate, a sinistra, da una cappella laterale larga circa metà dell’aula con il lato minore adiacente la sacrestia. La muratura continua del perimetro è irrobustita da arcate trasversali con pilastri sporgenti dal filo della parete rinforzati con catene. Il volume, coperto a crociera, del presbiterio sensibilmente sopraelevato rispetto all’aula è affiancato dalla sacrestia mentre l’aula e la cappella sembrano far parte di un unico intervento progettuale

Interno

l’interno dell’oratorio si percepisce come un vano unitario, focalizzato sul fondo rettilineo del presbiterio ornato dall’altare contenente l’immagine della Vergine, fiancheggiato da un’ampia cappella. Sulla controfacciata si trova nicchia, forse una finestra poi tamponata e ridotta all’oculo ellittico superiore. La trabeazione continua scandisce le proporzioni del vano raccordando l’altezza dell’aula con quella del presbiterio probabilmente preesistente

Presbiterio

il presbiterio di dimensioni quadrate, preceduto da tre alti gradini, è collegato a sinistra con la sacrestia sopra della quale una lapide in marmo ricorda gli interventi completati nel 1891 da preposto Don Marchetti. E’ coperto da una volta a crociera sostenuta da quattro paraste angolari ed illuminata da lunette laterali. Lo adorna un pregevole altare in stucco modificato nella parte inferiore

Struttura

la struttura dell’edificio è in muratura portante completamente intonacata

Coperture

la copertura dell’edificio è a capanna con manto in coppi ed embrici

Pavimenti e pavimentazioni

il pavimento è realizzato con mattonelle quadrate di marmo bian

1680 - 1680 (prime attestazioni maestà della Barcara)

l’oratorio fu eretto dove si trovava una maestà dedicata a Santa Maria. E l’immagine, come dichiara un atto del 1680, fu così preservata dall’ingiuria del tempo, per la munificenza del dott. Filippo Trombetti, di famiglia genovese, divenuto proprietario del terreno che conteneva la sacra effige. L’immagine si trovava su un muro di confine tra la sua proprietà ed il bosco comunale della Barcara ed egli chiese ad ottenne dalla Comunità di Aulla il terreno per costruire l’edificio, di cui erano già state iniziare le fondazioni e che allora era più piccolo dell’attuale misurando 20 palmi di lunghezza e 22 di larghezza equivalenti a circa m 4,96 per 5,45 considerando la misura del palmo genovese pari a 0,248 cm

1683 - 1683 (fondazione altare)

i Salvago, parenti dei Trombetti, nel 1683 costruirono nella chiesa una cappella e Don Giovanni Francesco Trombetti, fratello del dott. Filippo, vi fondò una cappellania con l’onere per il cappellano di celebrarvi due messe e di provvedersi dell’abitazione

1719 - 1719 (fondazione altare)

nel 1719 la Comunità, avendo ceduto il bosco a vari abitanti di Aulla, aveva lasciato uno spazio per l’ingrandimento del fabbricato che era divenuto meta di pellegrinaggi da parte dei fedeli

1881 - 1891 (restauro intero bene)

tra il 1881 ed il 1891 furono eseguiti dal parroco di Aulla lavori di restauro come attesta una lapide collocata nell’edificio

2004 - 2004 (restauro interno)

nel 2004 sono state restaurate le decorazioni architettoniche

Mappa

Cimiteri a MASSA CARRARA

Via Giovanni Battista Cartegni Bagnone (Ms)

Via Roma (Ms)

Via San Rocco Licciana Nardi (Ms)

Onoranze funebri a MASSA CARRARA

Via Provinciale 28 Licciana Nardi

Via Fontana Corso 25 Carrara

Via Provinciale 28 Licciana Nardi