Chiese in Provincia di Massa Carrara - città di : Chiesa di Santa Maria Assunta

Chiesa di Santa Maria Assunta
S. Maria Assunta

MASSA CARRARA
Via Castello, 8 - Soliera Apuana, Fivizzano (MS)
Culto: Cattolico
Diocesi: Massa Carrara - Pontremoli
Tipologia: chiesa
la pieve di Santa Maria Assunta di Soliera fu ricostruita ai piedi dell'antico castello, su un pianoro, situato a nord est del nucleo fortificato di cui restano visibili alcune torri perimetrali. Il precedente edificio, ben documentato dal catasto Leopoldino, si trovava all'estremità settentrionale di quest'ultimo fondato su un promontorio situato presso la confluenza del torrente Rosaro con l'Aulella. Dominando la chiusa della sottostante valle, era destinato ad assumere un naturale ruolo di... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

la pieve di Santa Maria Assunta di Soliera fu ricostruita ai piedi dell'antico castello, su un pianoro, situato a nord est del nucleo fortificato di cui restano visibili alcune torri perimetrali. Il precedente edificio, ben documentato dal catasto Leopoldino, si trovava all'estremità settentrionale di quest'ultimo fondato su un promontorio situato presso la confluenza del torrente Rosaro con l'Aulella. Dominando la chiusa della sottostante valle, era destinato ad assumere un naturale ruolo di presidio territoriale per il controllo delle strade dirette a Reggio Emilia e Modena mediante il passo dell' Ospedalaccio-Cerreto e di Lucca attraverso la foce dei Carpinelli. La pieve si trovava inoltre inserita in quel fascio di percorsi che legava Luni e Lucca con l'Appennino piacentino attraverso il passo del Brattello. L'edificio attuale si raggiunge tramite un'ampia gradinata che conduce al portico situato sulla facciata: è una robusta costruzione fiancheggiata da due setti murari in pietra che sostengono, assieme alle pareti perimetrali, la copertura del corpo anteriore della chiesa. Al di sopra si nota il pannello traforato che illumina l'interno e chiude il volume del presbiterio dalla falda inclinata verso il retro. Il prisma di un robusto campanile, dai fianchi in pietra, sormontato da una cella con l'unico spiovente rivolto a meridione, s'incastra sul fianco destro dell'edificio con il lato più lungo perpendicolare alla linea d'intersezione tra i due volumi del fabbricato. L'interno è dominato dal movimento della parete che delimita il vano del presbiterio sopraelevato di due gradini rispetto all'aula. E' ripartita in tre pannelli dall'intonaco levigato, rettangolari, di larghezza uguale. Quello centrale, arretrato verso il fondo occupa tutta l'altezza del vano mentre gli altri due, più bassi, sono sormontati dal parapetto ligneo della cantoria che risvolta anche sui lati del presbiterio ricoprendo il livello inferiore, lasciando spazio ai seggi del coro. Le canne dell'organo disposte con l'andamento contrapposto di una linea discendente verso il pannello centrale, dove campeggia un grande crocifisso, sono arredo e strumento tempo stesso.

Facciata

una quinta muraria in pietra, aperta sul fronte da un'apertura rettangolare, precede la facciata dall'ampio portale, arretrato verso l'interno, sormontato da un sopraluce in vetri policromi. Non sono presenti altri elementi architettonici di decoro o di arredo e, come in tutto il fabbricato, l'espressività architettonica è affidata al contrasto tra l'austera grevità della pietra, probabilmente di recupero dell'antica pieve, disposta i conci ben allineati, e la superficie levigata dell'intonaco o del cemento

Impianto strutturale

l'impianto strutturale, in muratura portante di pietra con elementi di rinforzo in cemento armato, compone due organismi rettangolari: quello dell'aula e quello del presbiterio, dagli assi maggiori ortogonali tra loro. Si collegano sulla linea che li separa rimarcata da due gradini. Il volume più alto del presbiterio è coperto con un'unica falda inclinata, verso settentrione, mentre quello più basso dell'aula è coperto da un solaio inclinato verso mezzogiorno

Pianta

pianta ad aula unica con presbiterio elevato di due gradini fiancheggiato da spazi contenenti gli scanni del coro, sacrestia retrostante e cantoria al livello superiore. Sul fondo è stato ricollocato uno degli altari provenienti dall'antica pieve, precedentemente collocato a fianco dell'ingresso

Struttura

la struttura è in muratura di pietra di consistente spessore, messa in opera con cura e rafforzata con travi di allettamento o, per il campanile, angolari, in calcestruzzo. Presenta negli spigoli pietre angolari ben squadrate, probabilmente di recupero

Coperture

La copertura, con manto in coppi ed embrici, è in cemento su due falde inclinate contrapposte

Pavimenti e pavimentazioni

il pavimento dell'aula e' in piastrelle di ceramica mentre il presbiterio e' in pe

998 - 998 (prime attestazioni intero bene)

nel 998 il marchese Oberto Opizzo I° riconobbe la pieve di Soliera tra le pertinenze del Vescovo di Luni Gottifredo I°

1052 - 1055 (costruzione del castello intorno)

il castello di Soliera fu costruito dal Vescovo di Luni Gottifredo I° e da Rodolfo di Casola capostipite dei Bianchi di Erberia

1149 - 1202 (riconoscimenti intero bene)

i pontefici Eugenio III nel 1149 ed Innocenzo III nel 1202 riconobbero la giurisdizione sulla pieve di Soliera al Vescovo di Luni

1950 - 1950 (demolizione intero edificio)

durante il periodo bellico fu costruito sotto l'antico edificio plebano, che conservava l'impronta medievale, un rifugio antiaereo che ne pregiudicò la stabilità, fu quindi demolito

1958 - 1958 (ricostruzione intero edificio)

la pieve fu ricostruita in un luogo vicino su progetto dell'architetto fiorentino Giuseppe Giorgio Gori (1906-1969)

1981 - 1986 (intervento strutturale presbiterio)

l'altare in legno e rame viene smantellato e si eseguono i lavori di adeguamento liturgico con la costruzione del nuovo altare, dell'ambone, del fonte battesimale e della riserva eucaristica tutto realizzato in marmo di Carrara compresa la nuova pavimentazione del presbiterio

2012 - 2012 (intervento strutturale presbiterio)

nella Pasqua del 2012 viene inaugurato il nuovo assetto del presbiterio con lo spostamento dell'altare in marmo dell'antica pieve sulla parete di fondo per la riserva eucaristica ed il relativo spostamento della sede

Mappa

Cimiteri a MASSA CARRARA

Via Roma (Ms)

Via Nazionale Fivizzano (Ms)

Via Giovanni Battista Cartegni Bagnone (Ms)

Onoranze funebri a MASSA CARRARA

Viale Lunigiana 54 Aulla

Viale Democrazia 47 Massa