Chiese in Provincia di Massa Carrara - città di : Oratorio di Santa Maria Assunta

Oratorio di Santa Maria Assunta

MASSA CARRARA
Mazzola, Fivizzano (MS)
Culto: Cattolico
Diocesi: Massa Carrara - Pontremoli
Tipologia: chiesa
l’oratorio si trova nella frazione di Mazzola, antica dipendenza del feudo della Verrucola e poi di Fivizzano, sottoposta alla parrocchiale di Alebbio. L’edificio con il presbiterio rettilineo rivolto ad oriente, fiancheggiato da una torre campanaria a quattro eleganti fornici a tutto sesto a copertura piana, sostenuta da pilastri angolari, affaccia su un piccolo cimitero con il cancello fiancheggiato da alti cipressi. Il prospetto a capanna, con un portale in arenaria a doppia... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

l’oratorio si trova nella frazione di Mazzola, antica dipendenza del feudo della Verrucola e poi di Fivizzano, sottoposta alla parrocchiale di Alebbio. L’edificio con il presbiterio rettilineo rivolto ad oriente, fiancheggiato da una torre campanaria a quattro eleganti fornici a tutto sesto a copertura piana, sostenuta da pilastri angolari, affaccia su un piccolo cimitero con il cancello fiancheggiato da alti cipressi. Il prospetto a capanna, con un portale in arenaria a doppia incorniciatura, angoli di rinforzo superiori e timpano triangolare aperto, datato 1725, sormontato da una finestra polilobata dello stesso materiale, nel contrapporre il grigio della pietra, vera o imitata, con il colore biancastro dell’intonaco si ispira all’austera semplicità delle facciate toscane, secondo il gusto importato nel capoluogo dopo il 1477, epoca della dedizione di Fivizzano i fiorentini. L’interno ripartito in tre campate coperte da volte a crociera a sesto ribassato, irrigidite da arcate trasversali munite di catene e rinforzate, sul fianco destro, da robusti contrafforti esterni, è commisurato dal disegno della trabeazione con fregio ornato da protomi di cherubini in corrispondenza delle quattro paraste centrali. A chiusura della prospettiva, fondo del presbiterio, che occupa la terza campata, si trova un altare in stucco e legno, di ordine ionico, datato 1721, con colonne scanalate scure e modanature dipinte in bianco

Facciata

la facciata dell’oratorio si sviluppa all’interno di una superficie tendente al quadrato, fregiata di un frontone triangolare ornato con cornici in arenaria; un piccolo oculo circolare posto al centro illumina il sottotetto. Sull’asse compositivo si dispone un portale a doppia incorniciatura, con fregio liscio e frontone triangolare aperto, sulla base del quale si legge la data del 1725. La facciata intonacata e dipinta di bianco con membrature grigie all’uso toscano, è delimitata a destra da un’anteride a conci sfalsati ad imitazione dell’arenaria, ricostruita su quelli veri, visibili sul fianco, per ottenere una maggiore regolarità del disegno. A sinistra si affianca la torre campanaria, sostenuta da un archivolto che immette nell’ambito costruito per separare dal terreno il fianco sinistro della chiesa

Impianto strutturale

l’impianto strutturale, preceduto da un piccolo cimitero, è generato da una superficie rettangolare, con la base circa una volta e mezzo l’altezza, chiusa da muri perimetrali continui in pietra. E’ ripartita in tre campate, di cui quella centrale più stretta, coperte da volte a crociera a sesto ribassato con arcate trasversali di irrigidimento contraffortate, ma soltanto sul lato destro, anche dall’esterno. Il volume edilizio al quale si addossa dal una piccola sacrestia, si dispone su un terrazzamento regolare a mezzacosta, quasi attestandosi sul ciglio del muro di controripa costruito lungo la mulattiera che conduce ad Alebbio e Codiponte

Interno

l’interno è commisurato da una trabeazione semplificata, priva cioè del capitello e dell’architrave, dall’ampio fregio ornato con protomi di cherubino in corrispondenza dei quattro pilastri centrali. Forma l’imposta delle volte e si spezza sulla parete rettilinea del fondo per lasciare spazio al dossale dell’altare maggiore. Il vano illuminato soltanto dal lato destro, e dalla controfacciata con la finestra quadrangolare dall’incorniciatura esterna quadrilobata, è dipinto a tinte chiare disposte su ampie campiture delimitate soltanto dai costoloni delle volte

Presbiterio

la terza campata ospita il presbiterio sopraelevato di un gradino in arenaria, ornato dal dossale ligneo a trabeazione ionica, timpano aperto su colonne scanalate scure, modanature di gusto seicentesco dipinte in bianco ad imitazione del marmo. Sul fastigio incompleto dell’ancona la finzione pittorica ha raffigurato l’Agnello apocalittico adorato da angeli ispirati a motivi botticelliani

Struttura

la struttura è in pietra di pezzatura eterogenea lega

XIV - XV (prime attestazioni località)

la località di Mazzola compare nei documenti di archivio come pertinenza del feudo della Verrucola e nel 1477 passò alla corte di Fivizzano alla quale restò soggetta. Al secolo XV risalgono alcuni portali ed altri reperti dello stesso periodo vengono reimpiegati in costruzioni realizzate tra la metà del secolo XVII e la fine del XVIII epoca nella quale l'abitato assunse l'attuale fisionomia

XVII - XVIII (datazione intero edificio)

la data 1725 che si legge sul portale potrebbe essere quella di costruzione dell’edificio ma alcuni elementi dell’arredo interno potrebbero anticiparla intorno agli anni 60 del secolo precedente

Mappa

Cimiteri a MASSA CARRARA

Via Nazionale Fivizzano (Ms)

Via Giovanni Battista Cartegni Bagnone (Ms)

Via Roma (Ms)

Onoranze funebri a MASSA CARRARA

Via Del Papino 41 Massa

Via Provinciale 28 Licciana Nardi

Via Razzoli Mons. 32 Villafranca In Lunigiana